Archivi tag: otranto

Una giornata ad Otranto da Torre Mozza

La più orientale tra tutte le città italiane, la splendida Otranto è una delle mete più interessanti da raggiungere per chi è in vacanza a Torre Mozza, splendida località sulla costa ionica della penisola salentina, non distante da importanti cittadine del Salento come Santa Maria di Leuca, Gallipoli, Torre Vado, Ugento e Salve.

Antico insediamento di una civiltà molto potente prima dell’arrivo dei romani, i Messapi, Otranto sarà per lungo tempo uno degli approdi più utilizzati per le comunicazioni commerciali via mare con l’oriente, il che ne ha sempre contraddistinto, dall’epoca romana in poi, la sua economia, la sua fortuna storica e la sua importanza nel territorio pugliese.

La sua fortuna ma anche la sua disgrazia, perchè proprio ad Otranto la popolazione sarà spettatrice e vittima di uno dei più terribili eccidi compiuti dai pirati turchi sulle coste italiane, la Battaglia di Otranto, che provocò una strage di civili, più di 800. Un evento ancora oggi ricordato da una suggestiva processione che si tiene ogni anno a fine luglio, la Festa dei Beati Martiri.

Otranto

Otranto

Affacciata sul mare Otranto si presenta al visitatore con il suo intricato dedalo di vicoli e stradine attorno al quale si elevano case e palazzi, chiese e cortili, all’ombra delle possenti mura del Castello di Otranto, esempio tra i più famosi dell’architettura militare tra medioevo e rinascimento.

Da visitare ad Otranto la cattedrale gotico romanica, che al suo interno presenta una tra le opere artistiche più importanti e preziose dell’epoca medievale, il Mosaico Pavimentale, un monumento di suggestivo di grande portata, un mosaico che copre l’intero pavimento della cattedrale con centinaia di figure evocanti il mondo mitico dell’era pagana, episodi della Bibbia e tanti simboli magici ancora oggi di difficile interpretazione per gli studiosi.

Una capatina ad Otranto non potrà escludere altri appuntamenti interessanti offerti dalla cittadina salentina, come il borgo antico, dove ancora ferve il lavoro di decine di artigiani e di botteghe d’arte, o le magnifiche località balneari circostanti, come il panorama selvaggio ed incontaminato dei Laghi Alimini, le grotte di Porto Badisco, Conca Specchiulla e Porto Craulo.

Se si ha a disposizione ancora del tempo da non dimenticare il patrimonio storico archeologico, come le cripte e gli ipogei, antichissimi luoghi di culto religioso dell’epoca paleocristiana scavate nella roccia o sottoterra: tra queste le più celebri sono la Cripta di San Nicola, l’ipogeo di Torre Pinta, le Catacombe di San Giovanni.